St. Pauli Football Club

thumb_817__contentImage2

Sport di vita:

Sono passati tre anni da quando lessi questo articolo, lo risegnalo perché non capita tutti i giorni di avere di queste notizie.

Dopo la finale di Coppa dei Campioni, l’ultima per intenderci, quella con due squadre tedesche in finale Banchieri contro Commercianti….che dire?

Aggiungo l’indirizzo del sito web, chiunque può accedervi e cercare nuove informazioni per verificare ad oggi che succede ad Amburgo ed alla sua squadra del St. Pauli Football Club.

http://youtu.be/LZr_toyooMw

Sito web: http://www.fcstpauli.de

St.Pauli, i ribelli della Bundesliga la squadra più a sinistra del mondo.

LaRepubblica — 20 agosto 2010

Prendete una squadra di calcio. Di quelle che non vincono mai. Prendete l’impegno sociale, una bandiera dei pirati, la lotta all’omofobia e al razzismo. Prendete il comunismo, il punk anni ‘ 80, la prostituzione libera, l’ anarchia sociale e l’aria umida di un porto tedesco. Mettete tutto nel peggior quartiere della Germania. A quel punto avrete il St. Pauli Football Club, la squadra più a sinistra del mondo.

Nel giorno in cui ricomincia la caccia ai campioni del Bayern, la Bundesliga ritrova anche quegli anarchici incalliti del St. Pauli, secondo club di Amburgo. L’ultima apparizione fu un disastro: nel 2002 solo 4 vittorie e una retrocessione. Poi ha vivacchiato, per lo più in III Divisione, fino a quando è passato nelle mani dell’impresario teatrale Corry Littmann, il primo presidente dichiaratamente omosessuale nella storia del calcio tedesco. Appena arrivato, Littmann ha capito che il St. Pauli non era una società come le altre. Qui contano i principi, bisogna essere fedeli alla linea. Tutto ciò che è business ed establishment viene apprezzato quanto un astemio in un pub amburghese. Bilancio e classifica sono dettagli. Una filosofia di vita stampata nello stemma: “Non established since 1910″. Liberamente tradotto: rifiutiamo tutto ciò che è “sistema”.

Per trovare la sede sociale del St. Pauli bisogna infilarsi nel quartiere più malfamato di Amburgo, segnalato in tutte le guide europee come il posto da non visitare mai: il distretto a luci rosse Reeperbahn, vicino al porto. Nascondiglio per prostitute, ruffiani, spacciatori e criminali. Tutti tifosi del St. Pauli, naturalmente. La bandiera della squadra è il vessillo dei pirati, adottato dal club quando un gruppo di squatter lo portò per scherzo ai giocatori vent’ anni fa. Da allorai tifosi si sono ribattezzati “i bucanieri”. La leggenda del St. Pauli, squadra dai risultati sportivi irrilevanti senza fenomeni in campo, con in panchina il suo ex giocatore Holgar Stanislawski, nasce negli anni ‘ 80. Punk, artisti, prostitute, studenti e banditi bazzicavano tutti le vie di Reeperbahn. Risse, criminalità e guerre tra bande erano pane quotidiano. Poi la domenica occupavano i 35mila posti del Millerntor Stadium. In mano la bandiera dei pirati, o quella di Che Guevara. Addosso magliette contro il razzismo e il neonazismo. Ieri se n’è occupata la Cnn. È stata la prima società di calcio a promuovere campagne sociali. Ha ospitato il mondiale per nazioni non riconosciute, ha giocato contro Cuba per solidarietà a Castro, ha messo in piedi un torneo per rifugiati politici. Quanto basta per raccogliere – secondo Ufa Sports – 11 milioni di fan. Tifosi che decidono le politiche della società: di recente hanno impedito la vendita dei diritti del nome dello stadio, mossa che avrebbe portato nelle casse svariati milioni, ma giudicata commerciale. Così il St. Pauli ha solo due obiettivi: battere i cugini ricchi dell’ Amburgo e rimanere fedeli alla linea. – FABIO TONACCI

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>