NO ALLA GUERRA!

armata_nazista

Guerra???!!!

Ora che venti di guerra soffiano come un uragano in lungo a in largo in Occidente, viene da chiedersi: ma l’Occidente, e in particolare l’Europa é pronta per una guerra? Questa é la domanda che si pone The Saker oggi.
Si chiede l’Europa, disposta a seguire ciecamente i diktat USA contro la Russia, cosa significherá la guerra?
In Russia i cittadini sono allertati: quello che sta subendo la Russia é un processo di criminalizzazione a 360 gradi, e l’opinione pubblica é conscia, come i governanti, che la guerra é un’opzione orribile. Ma se si tratta di difendere l’indipendenza del paese e il diritto della Russia di fare scelte indipendenti e decidere del proprio destino, e nessuna altra opzione sará possibile, allora bisognerá difendersi.
Cosa difenderanno le truppe europee?Combatteranno per la giunta ucraina, i suoi oligarchi e i suoi battaglioni di massacratori nazi fascisti? Che bella compagnia! Scenderanno in campo con le insegne della Merkel? Con quelle di Junker? O con l’emblema della BCE? Si combatterá per il diritto di Polonia e stati Baltici di non emanciparsi mai dall’antisovietismo? O andranno all’attacco per difendere il diritto USA di colonizzare, impoverire, spiare, torturare, rovesciare governi e lanciare guerre ovunque sul pianeta? Con il logo della Monsanto?
E’ pronta l’Europa a un’economia di guerra? Al disivestimento dalle politiche economiche e sociali per sovvenzionare le sue armate? L’apparato industriale si metterá a produrre divise, scarponi, munizioni e carri armati? Sono disposti i cittadini europei a dire addio a quel poco di benessere rimasto e mettersi in coda per il pane?
I civili europei sono pronti a subire le conseguenze della guerra? Bombardamenti, distruzione, massacri, profughi, miseria? Questa volta tutto ció invece di succedere altrove succederá a casa propria, ne sono consci? Sono pronti al coprifuoco? A vedere saltare gli impianti industriali con esplosioni che illuminano la notte e fanno tremare le cittá, come l’altra sera a Donesk? Le casalinghedel Donbass bombardate mentre andavano a fare la spesa sono una visione intollerabile, ma potrebbero essere il paesaggio prossimo venturo per tante altre cittá.

berlino_17-3-34 svastica umana
E chi andrá a combattere? Basteranno 20,000 effettivi NATO contro la Russia? O si dovranno richiamare i cittadini sotto le armi? Chi rinuncerá a universitá, studi, lavoro, viaggi, movide varie e happy hours per andare a combattere? Hanno un’idea i cittadini europei di cosa potrebbe significare? Oppure dopo anni di missioni “di pace” pensano che si risolverá con tre battaglioni di truppe professionali e la possibilitá di pagarsi il quieto vivere con qualche accordo sottobanco, come in Afganistan?

La Russia non é una regione tribale di mujaiddhin o di beduini, né un paese sconquassato come l’Irak. Questo sembra che nessuno l’abbia presente.

 

Oppure pensano che abbia ragione quel criminale deficiente di Saskashvili (ex Presidentedella Georgia), che ha attaccato la Russia, é stato sgominato in 48 ore, e ora fa il consigliere per gli ucraini e dice che con le armi NATO l’esercito ucraino puó conquistare la Russia intera!!

Riflettono gli europei sul fatto che le basi NATO sono sparpagliate per tutto il continente e che sono obiettivi militari? Napoli, Vicenza, Aviano, Sigonella, tanto per dare dei nomi alle cose. Sanno che l’apparato militare NATO é obsoleto e inefficente, e che é solo una grande business per gli apparati industriale militari. Che i famosi F-35 sono una bufala e non sono adatti al combattimento. Si chiedono chi la vincerá la guerra contro la Russia, alleata con la Cina? Senza contare che qualche irresponsabile comandante NATO potrebbe lanciarsi in attacchi sconsiderati, cosa altamente probabile visto il loro profilo, e allora si passerá all’opzione nucleare e allora fine del gioco per tutti.
I Russi dicono che gli USA combatteranno la guerra “fino all’ultimo ucraino” e questo giá sta avvenendo. Anche fino all’ultimo europeo?
Gli Stati Uniti hanno deposto un’esca avvelenata proprio nel centro dell’Europa, ma si sentono sicuri a casa loro, come sempre. Le elites europee l’hanno azzannata come se fosse un boccone squisito senza pensare alle conseguenze.
E’ tempo di reagire, di andare contro corrente, di opporsi alla marmaglia mediatica e al pensiero unico e dire NO alla GUERRA

https://youtube.com/watch?v=XIAUjsrPD7Qframeborder=0allowfullscreen

https://youtube.com/watch?v=XIAUjsrPD7Qframeborder=0allowfullscreen

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>