Indigeribile

Pericolo, gli OGM entrano in Europa!

 

L’Unione Europea discute l’introduzione del  mais OGM, 19 dei suoi membri si oppongono ma non é sufficiente per fermare l’autorizzazione, la decisione é lasciata alla Commissione Europea, organo non eletto. (Fonti: Russia Today, Greenpeace, EurActiv, AsiaTimes Online)

 

Ieri si é discussa a Bruxelles l’introduzione di mais geneticamente modificato nella UE.  L’Unione Europea autorizzerá la crescita di mais geneticamente modificato nonostante l’opposizione di 19 dei suoi membri che hanno votato contro l’approvazione. Infatti l’opposizione della maggioranza non basta e la decisione viene delegata alla Commissione Europea, organo non eletto, che ha giá preso posizione sulla cosa.

 

Il Commissario Europeo per l’Agricoltura Roger Waite ha dichiarato:  La Commissione Euopea adotterá la proposta di approvazione dell’OGM. Le regole sono chiare, non c’é scelta. Per questo la Commissione ha chiarito che un’astensione equivale a un voto a favore. Non c’é possibilitá per la Commissione di ritirare la proposta perché la discussione all’interno del Consiglio ha giá considerato la proposta attuata, che ci sia o meno un voto. Non c’é una data prescritta  ma il regolamento dice che la Commissione deve adottare la proposta senza ritardi non giustificati”.

 

A causa  delle regole interne della UE, é possibile che il voto dei contrari non sia sufficiente per rovesciare la decisione  e il mais OGM Pioneer 1507 finirá per essere approvato nonostante l’opposizione degli stati membri.  

 ogm no grazie

A favore dell’introduzione del mais transgenico Inghilterra, Spagna, Svezia, Finlandia e Estonia; Germania, Portogallo, Repubblica Ceca si sono astenute. Le opposizioni piú forti sono venute da Francia, Italia, Lussemburgo e Ungheria.

 

Per il Commissario Europeo per la Salute Tonio Borg la commissione é ora legalmente vincolata all’approvazione del mais OGM, e ha insistito sul fatto che da ricerche fin qui effettuate non esiste alcun pericolo per la salute.
Per l’Inghilterra senza gli OGM l’Europa é destinata a diventare “il museo dell’agricoltura mondiale” e  la scienza ha chiarito ormai tutto sugli OGM.

La Spagna ha dichiarato che gli agricoltori europei devono essere messi in grado di competere con le nazioni extra-europee che producono OGM.

Secondo la multinazionale DuPont, che ha sviluppato il Pioneer 1507 insieme a Dow Chemical, l’Unione Europea ha “l’obbligo legale verso se stessa, i propri agricoltori, gli scienziati e i propri partner commerciali” di supportare l’approvazione delle nuove scoperte in agricoltura.

 

Di parere contrario la Francia, secondo la quale se la Commissione Europea andrá avanti con l’introduzione degli OGM, si rischia di favorire ancora di piú l’euroscetticismo:  C’é una maggioranza che é contro, non capisco come possiamo approvare ció. Per di piú in vicinanza delle elezioni europee. E’ un’immagine pericolosa dell’Unione e delle sue istituzioni, dá l’idea che l’Unione non funzioni o funzioni male” ha dichiarato Thierry Repentin, il ministro francese per gli Affari Europei.

 no_ogm_tv pra gras Italia

L’Italiano Enzo Moavero, contrario agli OGM, ha dichiarato la decisione indigeribile, mentre per quello ungherese si tratta di una commedia europea dell’assurdo.

 

Per il gruppo dei Verdi al parlamento europeo non esiste un mandato democratico per approvare il mais OGM.

 
I gruppi ambientalisti  Greenpeace e Amici della Terra considerano  Pioneer 1507  un pericolo per l’ambiente: “L’approvazione da parte della Commissione sarebbe irresponsabile per via del rischio ambientale, non giustificabile per via dell’opposizione politica e pubblica, e legalmente compromettente perché la Commissione l’ha forzata senza le dovute consultazioni”.


Cosa spinge la Commissione Europea lungo questa china? In gioco c’é il TTIP, il trattato suI  commercio e gli investimenti fra USA e EU, e un’approvazione preventiva degli OGM spianerebbe la strada ad alcuni dei suoi capitoli piú controversi come le regole sulla sanitá e i prodotti agricoli.

 

Il Capo della Commissione Europea Barroso é la forza trainante del turbo-neolibersmo europeo; si é impegnato personalmente per far approvare il TTIP per Novembre 2014. Secondo alcuni tutta questa sua frenetica attivitá ha dei fini poco nobili:  il posto di Capo delle Nazioni Unite o della NATO, entrambe posizioni che dipendono dal volere USA. A allora via a tutta forza con il Trattato, la svendita dell’ambiente e della salute europee alle multinazionali USA.

 

Quando sugli scaffali dei supermercati e nel piatto  ci ritroveremo con prodotti tossici, e le piccole e medie aziende agricole europee saranno sparite per far posto ai giganti dell’agricoltura transgenica, ci consolerá il pensiero della brillante carriera dell’attuale Commissario Europeo?  

 

Questi sviluppi rendono le elezione europee prossime cruciali per la salvaguardia dei cittadini europei, dei loro diritti, della loro salute!

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>