IL GOVERNO DELL’UOMO INDEBITATO di M. Lazzarato

Cosa diventa l’uomo indebitato nella crisi? Qual è la sua principale attività? La risposta è molto semplice: paga! Deve espiare la sua colpa, il debito, pagando sempre nuove tasse, ma non solo. La crisi finanziaria, trasformata in crisi dei debiti sovrani, impone nuove modalità di governo e nuove figure soggettive tanto dalla parte dei governanti («governi tecnici») che dalla parte dei governati (l’uomo indebitato). Chi governa l’economia del debito e con che mezzi? Come si sono modificate le tecniche di controllo della popolazione? Cosa è diventa la democrazia una volta che è regolarmente sospesa per permettere l’applicazione di direttive che provengono da istanze economiche e politiche sovranazionali?

Per rispondere a queste domande il libro si confronta con la teoria della governamentalità di Michel Foucault, che la crisi ci obbliga a ridefinire e allargare, con il concetto di capitale di Marx e di capitalismo (di quelli venuti dopo di lui), anche loro ridefiniti sotto l’incalzare della finanziarizzazione e, per, finire con il concetto di Stato e di Welfare elaborato da Carl Schmitt.
La tesi del libro è che ciò a cui mira il governo del debito  non è uno «Stato minimo», ma uno stato liberato dalla pressione delle rivendicazioni sociali e dalla minaccia dell’allargamento dei diritti per portare a termine l’enorme trasferimento  di ricchezza dal settore pubblico a quello privato, cominciato dal neoliberismo negli anni Settanta.
UN ASSAGGIO

Il neoliberismo ha un modo del tutto singolare di piegare il rapporto a sé (la produzione del soggetto, dell’individuo), spingendolo al parossismo. Rappresentazione esemplare ne è il capitale umano, l’imprenditore di sé, punto di arrivo di un assoggettamento che facendo della persona un «capitale», ne impone una valutazione e una misura a partire dalla logica del guadagno e delle perdite, dell’offerta e della domanda, dell’investimento (in formazione, assicurazioni individuali, ecc.) e della sua redditività.
L’organizzazione postfordista sollecita continuamente un individuo che, a partire dalla propria libertà e dalla propria autonomia, deve negoziare non solo con situazioni esterne ma anche con se stesso. Il lavoratore indipendente, il cui modello è stato importato nel lavoro salariato, funzionando come un’impresa individuale, è continuamente impegnato a negoziare tra il suo io e il suo super-io «economici», proprio perché è lui stesso il responsabile del suo destino: lavoro o vado in vacanza? Accendo il telefono e mi rendo disponibile a qualunque sollecitazione o taglio le comunicazioni e mi rendo indisponibile? L’individuo, isolato dalla sua stessa libertà, si ritrova alle prese, oltre che con la concorrenza con gli altri, con la concorrenza con se stesso.
Questo continuo negoziato tra sé e sé è la specifica modalità di soggettivazione e di controllo delle società neoliberiste. Come nel sistema fordista la norma rimane esterna, è sempre prodotta dal dispositivo socio-economico, ma si manifesta come se l’individuo stesso ne fosse l’origine, come se scaturisse dal soggetto stesso.
L’ordine e il comando devono dare l’impressione di provenire dall’individuo, perché «sei tu a comandare!», perché «sei tu il padrone di te stesso!», perché «sei tu il tuo manager!». L’assoggettamento contemporaneo sottopone l’individuo a una valutazione «infinita», facendo del soggetto il suo primo giudice. L’ingiunzione a essere soggetto, a darsi degli ordini, a negoziare continuamente con se stessi, a obbedire a se stessi, è il punto terminale dell’individualismo.
Frustrazione, risentimento, senso di colpa, paura costituiscono le «passioni» della relazione a sé nel neoliberismo, perché le promesse di realizzazione, di libertà, di autonomia si scontrano con una realtà che sistematicamente le nega. Il fallimento del capitalismo non risuona così forte come dovrebbe, perché è l’individualismo ad attutirlo attraverso un’interiorizzazione del conflitto in cui il «nemico» finisce col confondersi con una parte di sé. La tendenza è allora quella di rivolgere la «denuncia» contro se stessi, anziché contri i rapporti di potere. Da qui la colpevolizzazione, la cattiva coscienza, la solitudine, il risentimento. La piena «sovranità» dell’individuo, dal momento che è l’individuo a scegliere, a decidere, a comandare, corrisponde alla sua piena e completa alienazione. Diversamente dalla nevrosi, patologia di un capitalismo trapassato, la malattia del XXI secolo si manifesta nella depressione, resistenza passiva e individuale alla «mobilitazione generale», all’ingiunzione all’attività, a fare progetti, a investirsi: impotenza ad agire, impotenza a decidere, impotenza a intraprendere dei progetti.

AUTORE

Maurizio Lazzarato

Maurizio Lazzarato

Maurizio Lazzarato, sociologo e filosofo, vive e lavora a Parigi dove svolge attività di ricerca sulle trasformazioni del lavoro e le nuove forme di movimenti sociali. In italiano sono disponibili: La politica dell’evento (Rubbettino 2004),     Lavoro immateriale. Forme di vita e produzione di soggettività (ombre corte, 1997) eVideofilosofia (manifestolibri, 1997). È anche autore dei seguenti libri in lingua francese: Puissances de l’invention, La psychologie économique de Gabriel Tarde contre l’économie politique (2002) eExpérimentations politiques (2009).

E Aggiungo:

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>