Il Califfato: due o tre cose che vorremmo sapere di lui…

Nonostante l’energia e l’impegno quotidiano mostrati dai media mainstream per oscurare il cervello dell’opinione pubblica mondiale, ci siamo tutti fatti alcune domande. Perché alla fine, sebbene classi dirigenti, politici e media cerchino di plasmarci a loro somiglianza,  non siamo ancora raggiunto la loro Caporetto mentale! Per esempio:

  • come ha fatto la colonna di Toyota nuove di zecca ad arrivare tranquillamente in Iraq, e da dove quando satelliti e droni sono in grado di vedere anche se ci mettiamo le dita del naso?
  • come fanno i califfi a fare soldi vendendo il petrolio dei pozzi in Iraq e Siria in mano loro? come lo esportano e trasportano? a chi lo vendono? come mai c’é un cargo di petrolio del califfato fermo nelle acque del Texas, pronto a scaricare la merce?
  • da dove viene l’ISIL, chi l’ha armato, da dove sono arrivati i mercenari europei, ceceni, sauditi, etc. che tagliano teste ?
  • perché quando tagliavano teste, le montavano sulle picche, finivano i prigionieri, gasavano e brutalizzavano in tutti i modi possibili le popolazioni siriane, erano bravi ragazzi e ora che sono passati in Iraq sono criminali?
  • com’é possibile che si siano impadroniti di una delle frontiere piú controllate del mondo, le alture del Golan, senza incorrere nella reazione israeliana?
  •  Europei e gli USA chi hanno armato in Siria? La societá civile, infermieri e insegnanti come diceva Obama, o gli jihadisti piú sanguinari e scatenati?
  • che cosa succederá ora?
  • eccetera, eccetera, eccetera

Ecco un’analisi regionale che dà alcune di queste risposte:

 

Il Grande Voltafaccia Saudita, di Thierry Meyssan, dal sito di Voltairenet che da sempre é fonte di informazioni e analisi su Siria e Medio Oriente.

 

Sullo stesso sito e sempre di  Thierry Meyssan

John McCain, maestro concertatore della “primavera araba”, e il Califfo

 

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>