FESTIVAL DELLA DIGNITA’ UMANA DAL 19 SETT. AL 9 OTT. dove? a Borgomanero-Cureggio-Fontaneto D’Agogna- Romagnano Sesia

ASCOLTARE, PENSARE, DISCUTERE, DIBATTERE, VEDERE OGGI LA DIGNITA’ QUALE PERCENTUALE HA ANCORA NEL LAVORO.

http://www.festivaldignitaumana.com

LAVORO E DIGNITÀ
Oltre la crisi: scenari e utopie

Il tema del lavoro e della sua dignità occupa un posto centrale nel contesto della società globale. Disoccupazione e inoccupazione giovanile hanno raggiunto nel nostro paese livelli drammatici, con conseguenze devastanti.
Foto 18-07-15 14 42 16 La delocalizzazione e l’innovazione tecnologica, ma soprattutto la grave crisi  economico-finanziaria, sono le ragioni più evidenti di questa situazione che appare  a  molti, almeno in tempi brevi, insuperabile. La dequalificazione di una parte sempre  più consistente dell’attività lavorativa si accompagna alla frustrazione psicologica  dovuta alla ripetitività e all’assenza di stimoli creativi.

Vi è dunque chi è giunto a rispolverare (e non a torto) la tesi marxiana del “lavoro  come merce”, mettendo in evidenza il rischio della perdita radicale della dignità  dell’uomo. Questo scenario preoccupante non è tuttavia univoco;  si accompagna infatti alla percezione di segnali di novità provenienti dai profondi mutamenti sociali e culturali in corso. La crisi che attraversiamo costituisce – secondo lo stesso significato etimologico del termine – un momento di passaggio, di transizione. Al pericolo di spinte involutive, come quelle accennate, si affiancano possibilità evolutive e si aprono nuove prospettive di crescita umana.

Obiettivo del Festival è denunciare, da un lato, le situazioni (e sono molte) in cui la dignità del lavoro appare violata oFile 20-07-15 10 33 33 compromessa e riflettere sulle vie da percorrere per restituire al lavoro il suo pieno  significato umano. Si tratta, in altri termini, non soltanto di rivendicare diritti oggi  spesso conculcati – primo quello del lavoro per tutti – ma anche di interrogarsi sulle  nuove forme lavorative e, più in generale, sul modello di economia e di società che si  è chiamati a costruire.

Ma la questione della dignità del lavoro non è certo riconducibile ai soli livelli tecnico o  sociopolitico, per quanto importanti.Rinvia, più pFoto 18-07-15 14 50 00rofondamente, a una riflessione di  ordine antropologico ed etico che non può essere elusa e che costituisce la base cui ancorare ogni progetto di cambiamento.

In gioco vi è la ricerca di una nuova forma di umanesimo che sappia interpretare le domande nuove che scaturiscono dai cambiamenti odierni rapportandole alle istanze valoriali che affondano le loro radici nella originaria interiorità dell’umano.

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>