DOCUMENTARI – E’ tutto sotto controllo doc di Werner Boote

Documentario di Werner Boote

L’intera umanità è destinata a galleggiare lieta in un’immensa e idilliaca “nube virtuale”. Icloud, l’inglese è d’obbligo, promette di migliorare la vita di ogni individuo, ovunque si trovi. Questa è il credo delle grandi aziende che dominano internet. Yahoo, Google, Facebook, Instagram e via dicendo sono i paladini di una inarrestabile rivoluzione che secondo loro è senza alcun dubbio positiva. Già oggi, buona parte della popolazione mondiale è sempre connessa e i vantaggi sono innegabili: facili acquisti online, ma anche accesso a notizie e cultura, senza dimenticare i rapporti sociali, facilitati dall’immediatezza della posta elettronica. Sono aspetti che ormai tutti conosciamo e utilizziamo senza riflettere troppo sulle conseguenze. Perché anche in questo caso c’è un prezzo da pagare: la fine della “privacy”.
Dietro l’innocente nuvola virtuale se ne nascondono altre ben più minacciose. In effetti, siamo pronti a divulgare via internet informazioni che mai oseremmo fornire ad esempio alle autorità. Se lo Stato ci obbligasse a indicare le nostre preferenze sessuali o il nostro credo religioso ci opporremmo con veemenza, però le confessiamo con ingenuo candore sui social media.

La marea infinita di dati che ogni giorno finisce in rete non viene cancellata, ma assorbita da possenti server e si sa che chi detiene il maggior numero di informazioni ha in mano il potere. Oggi, in effetti, qualcuno o qualcosa sa tutto o comunque molto di più di quanto vorremmo su di noi. In breve, siamo schedati a nostra insaputa, il che dovrebbe suscitare inquietudine invece pochi si preoccupano. Nel documentario “È tutto sotto controllo” vengono messi in evidenza, con molto humour, i rischi legati al dominio della Rete. Una rete che fa impallidire il mondo immaginato da Orwell nel suo famoso libro “1984”.

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>